UZH-Logo

Maintenance Infos

Cattive notizie. La retorica senza lumi dei mass media italiani


Loporcaro, M (2010). Cattive notizie. La retorica senza lumi dei mass media italiani. Milano: Feltrinelli.

Abstract

Come parla l'informazione pubblica in Italia? Male. Male, s'intende, per i cittadini. Benissimo, invece, per chi ha interesse ad anestetizzarne la coscienza politica, a prevenire il formarsi di una pubblica opinione. Oggi il giornale e il tg parlano una lingua ostentatamente 'vicina alla gente'; il tg variopinto del Duemila è ben diverso dall'esangue notiziario dei primi decenni Rai e il giornale non è più il grigio quotidiano d'una volta. Ma questa immediatezza è, in realtà, la cifra di uno stile che impone la semplificazione populistica anziché l'analisi, la strizzatina d'occhio anziché la spiegazione, l'appello all'emotività anziché al raziocinio. Siamo agli antipodi rispetto all'ideale dell'informazione come quarto potere, sede del dibattito razionale sulla politica, nato con l'Illuminismo. Questo ideale è in crisi dovunque e più che altrove in Italia, paese che, quanto alla formazione di un'opinione pubblica, è da sempre alla retroguardia in Europa. Che è passato repentinamente dall'analfabetismo alla teledipendenza, dal controllo sulle coscienze instaurato dalla Controriforma a quello della rivoluzione consumistica. Capire come parla - e perché parla così - l'informazione pubblica italiana è un esercizio di analisi indispensabile per capire la realtà dell'Italia contemporanea. È anche il primo passo per porre una questione politica cruciale: un'informazione pubblica che parla in questo modo non è un argine efficace per proteggere la democrazia da esperimenti pericolosi, quali quelli che in Italia si stanno oggi conducendo.

Come parla l'informazione pubblica in Italia? Male. Male, s'intende, per i cittadini. Benissimo, invece, per chi ha interesse ad anestetizzarne la coscienza politica, a prevenire il formarsi di una pubblica opinione. Oggi il giornale e il tg parlano una lingua ostentatamente 'vicina alla gente'; il tg variopinto del Duemila è ben diverso dall'esangue notiziario dei primi decenni Rai e il giornale non è più il grigio quotidiano d'una volta. Ma questa immediatezza è, in realtà, la cifra di uno stile che impone la semplificazione populistica anziché l'analisi, la strizzatina d'occhio anziché la spiegazione, l'appello all'emotività anziché al raziocinio. Siamo agli antipodi rispetto all'ideale dell'informazione come quarto potere, sede del dibattito razionale sulla politica, nato con l'Illuminismo. Questo ideale è in crisi dovunque e più che altrove in Italia, paese che, quanto alla formazione di un'opinione pubblica, è da sempre alla retroguardia in Europa. Che è passato repentinamente dall'analfabetismo alla teledipendenza, dal controllo sulle coscienze instaurato dalla Controriforma a quello della rivoluzione consumistica. Capire come parla - e perché parla così - l'informazione pubblica italiana è un esercizio di analisi indispensabile per capire la realtà dell'Italia contemporanea. È anche il primo passo per porre una questione politica cruciale: un'informazione pubblica che parla in questo modo non è un argine efficace per proteggere la democrazia da esperimenti pericolosi, quali quelli che in Italia si stanno oggi conducendo.

Altmetrics

Additional indexing

Item Type:Monograph
Communities & Collections:06 Faculty of Arts > Institute of Romance Studies
Dewey Decimal Classification:470 Latin & Italic languages
410 Linguistics
450 Italian, Romanian & related languages
800 Literature, rhetoric & criticism
440 French & related languages
460 Spanish & Portuguese languages
Language:Italian
Date:2010
Previous Dates:2005, 2006
Deposited On:09 Apr 2010 05:52
Last Modified:05 Apr 2016 14:04
Publisher:Feltrinelli
Series Name:Campi del sapere
Number of Pages:217
ISBN:88-071-0378-8
Additional Information:2nd ed. 2006,; 3rd ed. 2010
Related URLs:http://opac.nebis.ch/F?func=direct&local_base=NEBIS&doc_number=008864661

Download

Full text not available from this repository.

TrendTerms

TrendTerms displays relevant terms of the abstract of this publication and related documents on a map. The terms and their relations were extracted from ZORA using word statistics. Their timelines are taken from ZORA as well. The bubble size of a term is proportional to the number of documents where the term occurs. Red, orange, yellow and green colors are used for terms that occur in the current document; red indicates high interlinkedness of a term with other terms, orange, yellow and green decreasing interlinkedness. Blue is used for terms that have a relation with the terms in this document, but occur in other documents.
You can navigate and zoom the map. Mouse-hovering a term displays its timeline, clicking it yields the associated documents.

Author Collaborations