UZH-Logo

Maintenance Infos

Silvio Guarnieri, «Lavori d’autunno»


Silvio Guarnieri, «Lavori d’autunno». Edited by: De Marchi, P (2012). San Cesario di Lecce: Manni editore.

Abstract

"Passavano gli anni; continuavo a lavorare a questo libro per il quale avevo scelto il titolo definitivo, Lavori d’autunno, ma al quale mi veniva fatto di aggiungere sempre qualche nuovo capitolo, di dare una nuova suddivisione a quelli già compiuti; sempre alla ricerca di un’ultima parola, deciso a non tralasciare nessun momento della mia esistenza che per me avesse un significato, che mi avesse rivelato qualcosa di profondo e determinante". Così Silvio Guarnieri rievocava la lunga e travagliata elaborazione del libro che egli aveva messo in cantiere verso la fine degli anni Cinquanta e al quale si era dedicato con fervore per quasi trent’anni senza riuscire a vederlo pubblicato. Nelle sue intenzioni, i dieci racconti dei Lavori d’autunno dovevano costituire la parte conclusiva di una ininterrotta testimonianza personale. Riprendendo uno schema già collaudato in Utopia e realtà, i capitoli si catalizzano intorno ad un nucleo narrativo – la vecchiaia, la malattia, l’amore, la morte –, con una compiuta unità. Ogni racconto è strettamente legato agli altri, tassello di un progetto poematico che "si svolge per tappe successive sino a giungere all’ultima in cui tutte convergono ed hanno il loro esito".

"Passavano gli anni; continuavo a lavorare a questo libro per il quale avevo scelto il titolo definitivo, Lavori d’autunno, ma al quale mi veniva fatto di aggiungere sempre qualche nuovo capitolo, di dare una nuova suddivisione a quelli già compiuti; sempre alla ricerca di un’ultima parola, deciso a non tralasciare nessun momento della mia esistenza che per me avesse un significato, che mi avesse rivelato qualcosa di profondo e determinante". Così Silvio Guarnieri rievocava la lunga e travagliata elaborazione del libro che egli aveva messo in cantiere verso la fine degli anni Cinquanta e al quale si era dedicato con fervore per quasi trent’anni senza riuscire a vederlo pubblicato. Nelle sue intenzioni, i dieci racconti dei Lavori d’autunno dovevano costituire la parte conclusiva di una ininterrotta testimonianza personale. Riprendendo uno schema già collaudato in Utopia e realtà, i capitoli si catalizzano intorno ad un nucleo narrativo – la vecchiaia, la malattia, l’amore, la morte –, con una compiuta unità. Ogni racconto è strettamente legato agli altri, tassello di un progetto poematico che "si svolge per tappe successive sino a giungere all’ultima in cui tutte convergono ed hanno il loro esito".

Altmetrics

Additional indexing

Item Type:Edited Scientific Work
Communities & Collections:06 Faculty of Arts > Institute of Romance Studies
Dewey Decimal Classification:470 Latin & Italic languages
410 Linguistics
450 Italian, Romanian & related languages
800 Literature, rhetoric & criticism
440 French & related languages
460 Spanish & Portuguese languages
Language:Italian
Date:2012
Deposited On:18 Dec 2012 15:26
Last Modified:05 Apr 2016 16:14
Publisher:Manni editore
Series Name:Pretesti
Volume:431
Number of Pages:366
ISBN:978-88-6266-420-2

Download

Full text not available from this repository.

TrendTerms

TrendTerms displays relevant terms of the abstract of this publication and related documents on a map. The terms and their relations were extracted from ZORA using word statistics. Their timelines are taken from ZORA as well. The bubble size of a term is proportional to the number of documents where the term occurs. Red, orange, yellow and green colors are used for terms that occur in the current document; red indicates high interlinkedness of a term with other terms, orange, yellow and green decreasing interlinkedness. Blue is used for terms that have a relation with the terms in this document, but occur in other documents.
You can navigate and zoom the map. Mouse-hovering a term displays its timeline, clicking it yields the associated documents.

Author Collaborations