Header

UZH-Logo

Maintenance Infos

Purgatorio III als Leitgesang der mittleren Cantica von Dantes Commedia


Güntert, Georges (2014). Purgatorio III als Leitgesang der mittleren Cantica von Dantes Commedia. Deutsches Dante-Jahrbuch, 89(1):123-140.

Abstract

Questo saggio si prefigge un duplice scopo: un’interpretazione del canto III del Purgatorio e una riflessione sul significato del primo incontro di Dante in ognuna delle tre Cantiche della Commedia. Attraverso una lettura attenta ai problemi strutturali, si cerca innanzitutto d’individuare il denominatore comune delle varie sequenze del canto, diverse dal punto di vista del contenuto, ma legate tra loro da rapporti di analogia: il mesto discorso di Virgilio sul proprio corpo abbandonato, l’apparizione di una schiera di scomunicati e il successivo incontro con Manfredi, re di Sicilia, il quale, pur mostrando le sue ferite, appare bello e sorridente nella sua ritrovata integrità. Manfredi, e non Casella, è il protagonista del primo vero incontro »purgatoriale« di Dante, come lo sono stati Paolo e Francesca nel V dell’Inferno e come lo sarà Piccarda Donati nel III del Paradiso. In questi canti, da me definiti come Leitgesänge, l’incontro con il personaggio prefigura il senso dell’intera Cantica: nell’ordine, la condanna all’eterno dolore, la reintegrazione dell’escluso nella comunione dei santi e la beatitudine, che è perfetta »perché ogni dove in cielo è paradiso«.

Abstract

Questo saggio si prefigge un duplice scopo: un’interpretazione del canto III del Purgatorio e una riflessione sul significato del primo incontro di Dante in ognuna delle tre Cantiche della Commedia. Attraverso una lettura attenta ai problemi strutturali, si cerca innanzitutto d’individuare il denominatore comune delle varie sequenze del canto, diverse dal punto di vista del contenuto, ma legate tra loro da rapporti di analogia: il mesto discorso di Virgilio sul proprio corpo abbandonato, l’apparizione di una schiera di scomunicati e il successivo incontro con Manfredi, re di Sicilia, il quale, pur mostrando le sue ferite, appare bello e sorridente nella sua ritrovata integrità. Manfredi, e non Casella, è il protagonista del primo vero incontro »purgatoriale« di Dante, come lo sono stati Paolo e Francesca nel V dell’Inferno e come lo sarà Piccarda Donati nel III del Paradiso. In questi canti, da me definiti come Leitgesänge, l’incontro con il personaggio prefigura il senso dell’intera Cantica: nell’ordine, la condanna all’eterno dolore, la reintegrazione dell’escluso nella comunione dei santi e la beatitudine, che è perfetta »perché ogni dove in cielo è paradiso«.

Statistics

Altmetrics

Downloads

16 downloads since deposited on 10 Feb 2015
8 downloads since 12 months
Detailed statistics

Additional indexing

Item Type:Journal Article, not refereed, original work
Communities & Collections:06 Faculty of Arts > Institute of Romance Studies
Dewey Decimal Classification:800 Literature, rhetoric & criticism
470 Latin & Italic languages
410 Linguistics
440 French & related languages
460 Spanish & Portuguese languages
450 Italian, Romanian & related languages
Language:German
Date:2014
Deposited On:10 Feb 2015 16:29
Last Modified:08 Dec 2017 10:18
Publisher:Boehlau Verlag GmbH & Cie
ISSN:0070-444X
Publisher DOI:https://doi.org/10.1515/dante-2014-0008

Download

Download PDF  'Purgatorio III als Leitgesang der mittleren Cantica von Dantes Commedia'.
Preview
Content: Published Version
Filetype: PDF
Size: 140kB
View at publisher