Header

UZH-Logo

Maintenance Infos

Alcune aggiunte al testimoniale del "De honore mulierum" di Benedetto da Cesena


Ferrilli, Sara (2017). Alcune aggiunte al testimoniale del "De honore mulierum" di Benedetto da Cesena. Rassegna europea di letteratura italiana, 49-50:57-70.

Abstract

Il De honore mulierum è un poema in terza rima composto dal romagnolo Benedetto da Cesena e dedicato a Pandolfo, figlio di Sigismondo Pandolfo Malatesta e della sua amante, e poi terza moglie, Isotta degli Atti. L’opera si inserisce nel filone della cosiddetta letteratura isottèa e possiede finalità encomiastiche che rispecchiano pienamente gli interessi della cerchia di letterati che operavano nella corte malatestiana, tra i quali figurano Basinio da Parma e Roberto Valturio. La sua tradizione testuale, finora limitata a un prezioso testimone della Biblioteca Vaticana e alla princeps veneziana del 1500, si arricchisce ora di altri due manoscritti. Il presente contributo ha dunque lo scopo di segnalare le nuove acquisizioni relative al testimoniale del De honore mulierum e di collocarle nel contesto della
produzione di codici alla corte di Sigismondo Pandolfo Malatesta, avanzando altresì qualche ipotesi preliminare sulla primissima ricezione dell’opera.

Abstract

Il De honore mulierum è un poema in terza rima composto dal romagnolo Benedetto da Cesena e dedicato a Pandolfo, figlio di Sigismondo Pandolfo Malatesta e della sua amante, e poi terza moglie, Isotta degli Atti. L’opera si inserisce nel filone della cosiddetta letteratura isottèa e possiede finalità encomiastiche che rispecchiano pienamente gli interessi della cerchia di letterati che operavano nella corte malatestiana, tra i quali figurano Basinio da Parma e Roberto Valturio. La sua tradizione testuale, finora limitata a un prezioso testimone della Biblioteca Vaticana e alla princeps veneziana del 1500, si arricchisce ora di altri due manoscritti. Il presente contributo ha dunque lo scopo di segnalare le nuove acquisizioni relative al testimoniale del De honore mulierum e di collocarle nel contesto della
produzione di codici alla corte di Sigismondo Pandolfo Malatesta, avanzando altresì qualche ipotesi preliminare sulla primissima ricezione dell’opera.

Statistics

Citations

Dimensions.ai Metrics

Altmetrics

Downloads

0 downloads since deposited on 10 Feb 2021
0 downloads since 12 months

Additional indexing

Item Type:Journal Article, refereed, original work
Communities & Collections:06 Faculty of Arts > Institute of Romance Studies
Dewey Decimal Classification:800 Literature, rhetoric & criticism
470 Latin & Italic languages
410 Linguistics
440 French & related languages
460 Spanish & Portuguese languages
450 Italian, Romanian & related languages
Uncontrolled Keywords:Benedetto da Cesena, Sigismondo Pandolfo Malatesta, Isotta degli Atti, Letteratura isottèa
Language:Italian
Date:2017
Deposited On:10 Feb 2021 16:19
Last Modified:10 Feb 2021 16:20
Publisher:Fabrizio Serra editore
ISSN:1122-5580
OA Status:Closed
Publisher DOI:https://doi.org/10.19272/201709302003
Related URLs:http://www.libraweb.net/riviste.php?chiave=93&h=428&w=300 (Publisher)

Download

Closed Access: Download allowed only for UZH members